Assicurazione per cane e gatto, come funziona e perché può essere una buona idea

Pubblicato il 11 August 2017

RC e sanitaria, ecco perchè è importante assicurare cane e gatto

Tutte le principali compagnie assicurative hanno ormai in catalogo un offerta per proteggere cani e gatti, sia dal punto di vista della responsabilità civile verso terzi che da quello delle spese sanitarie. E allora perché non prendi anche tu in considerazione l’idea di una protezione ad hoc per il tuo Fido? I pregi sono tanti, i difetti pochi e circoscritti.

Quello delle assicurazioni per cani e gatti domestici è forse uno degli argomenti meno conosciuti da chi ha un animale in casa. Eppure una polizza che protegga il nostro amico peloso può essere davvero una buona idea. Ed è anche a portata di mano, visto che ormai l’offerta in materia è molto ampia e variegata. L’importante, però, è saper scegliere e leggere bene tutte le postille.

Proteggere Fido: responsabilità civile e copertura sanitaria

Quando si parla di assicurare il proprio cane o il proprio gatto si fa riferimento a due diverse opzioni: l’assicurazione RC, ovvero per responsabilità civile, e quella sanitaria, per le spese mediche. La differenza è presto detta. La responsabilità civile mette al riparo il proprietario dell’animale domestico dai danni che questo potrebbe causare a terze persone (un morso, la rottura di un oggetto, eccetera), facendosi carico del risarcimento degli stessi. L’assicurazione sanitaria, invece, è utile per farsi rimborsare i costi sostenuti per le cure del proprio amico peloso. Praticamente tutte le principali compagnie, però, propongono anche polizze complete che comprendono entrambe le coperture. Molti pacchetti, inoltre, estendono la tutela anche alle spese legali connesse con i danni che l’animale ha provocato.

Assicurare cane e gatto? Semplice e poco costoso

In tantissimi casi l’assicurazione per gli animali viene inserita, come accessoria, all’interno di polizze più ampie, come quelle a protezione della casa o quelle per la responsabilità civile del capofamiglia. Anzi, se avete stipulato un contratto di questo tipo, andate a dare un’occhiata alle clausole, potreste accorgervi di avere già tutelato Fido (o Romeo) senza saperlo.

Se non è così, siete sempre in tempo per rimediare. Per stipulare una polizza proteggere il vostro amico peloso potete rivolgervi a qualsiasi compagnia assicurativa, chiedere preventivi online, fare comparazioni sui principali siti internet del settore. Insomma, niente di più semplice! E i costi sono contenuti: ovviamente dipendono dall’estensione della copertura, ma difficilmente superano i 10 euro al mese.

Gli elementi a cui prestare attenzione

Nel momento in cui si valutano le diverse polizze sul mercato è bene valutare alcuni elementi chiave. Per prima cosa bisogna controllare i massimali e le eventuali franchigie, come si fa per ogni tipologia di assicurazione. Il massimale indica l’importo massimo rimborsato dalla compagnia in caso i verifichi un episodio coperto dalla polizza. La franchigia, al contrario, indica il tetto minimo che il danno deve superare per rientrare nella copertura.

Secondo aspetto a cui stare attenti: l’estensione della protezione. E’ importante soprattutto per l’assicurazione sanitaria. Ad esempio, molti cani di razza non vengono assicurati per niente dalle compagnie o vengono escluse dalle coperture determinate patologie, statisticamente molto frequenti per quella tipologia di animale (es: le patologie cardiache per il Bulldog inglese). Alcune polizze poi, risarciscono solo le spese da interventi chirurgici, altre si spingono oltre.